Federdistribuzione: dato di settembre più alto da molti anni. Politiche della DMO a favore dei consumatori portano buoni risultati

Milano, 7 novembre 2017– I dati Istat sul commercio al dettaglio relativi al mese di
settembre 2017 registrano un aumento del +3,4% rispetto a settembre 2016 nelle
vendite a valore, con l’alimentare al +4,4% e il non alimentare a +2,8%. Dall’inizio
dell’anno l’Istat evidenzia una variazione pari a +0,4% a valore e al -0,2% a volume.
“Il dato di settembre è il più alto registrato negli ultimi anni – dichiara Giovanni Cobolli
Gigli Presidente di Federdistribuzione – Tuttavia, pur riconoscendo questo segnale
positivo, occorre restare cauti, in quanto nell’arco dell’intero anno la dinamica delle
vendite ha mostrato uno sviluppo altalenante. Questo dato di crescita, comune sia al
settore alimentare che a quello non alimentare, si associa a un aumento del clima di
fiducia dei consumatori, in incremento sia a settembre che a ottobre, e ciò costituisce
un ulteriore elemento che potrebbe far ipotizzare una più solida ripresa dei consumi.
“Nel mese di settembre crescono tutte le superfici di vendita; in particolare il settore
della Distribuzione Moderna Organizzata fa segnare un +5,6%. – continua Cobolli Gigli
– Un risultato positivo frutto delle politiche messe in campo dalle imprese che da un
lato hanno conservato la propria vocazione di tutela del potere d’acquisto, ma
dall’altro sono state anche capaci di intercettare i nuovi bisogni dei consumatori,
adattando le proprie politiche assortimentali e commerciali ottenendo una buona
risposta da parte dei clienti”.

Categoria: Comunicati stampa, Comunicati stampa 2017 | Tag: , .