Agricoltura

posizione FDargomentazioni

Posizione FD

E’ interesse della Distribuzione Moderna Organizzata (DMO) rendere più forte il sistema agricolo nazionale nel suo complesso. Per la crescita della nostra agricoltura non sono necessari solo interventi normativi, ma è opportuno lavorare su azioni incisive in termini di promozione dei prodotti agricoli italiani. L’individuazione di percorsi di lavoro comuni con l’agricoltura e le istituzioni consentirebbe un’ulteriore valorizzazione delle produzioni e maggiore fluidità nei rapporti commerciali. E' necessario lavorare in contesti di collaborazione in cui si possano attuare iniziative condivise in una logica di modernizzazione agricola e di sostegno a una maggiore produttività, qualità e competitività, evitando interventi cogenti di carattere normativo, spesso di ostacolo al mercato e che non portano benefici né al sistema agricolo né ai consumatori finali. É necessario, altresì, contrastare l’illegalità e lo sfruttamento del lavoro nero in agricoltura, nonché superare la capillarizzazione e le politiche di sostegno a pioggia per lavorare insieme sull’efficienza della filiera, analizzando la logistica, le fasi di raccolta, la lavorazione, l’imballaggio, per capire dove è possibile recuperare valore.

La DMO rappresenta un veicolo fondamentale e imprescindibile di valorizzazione dei prodotti agricoli nazionali: attraverso i propri punti vendita viene veicolato oltre il 70% dei prodotti alimentari consumati nel Paese. Di questi circa l’85% è prodotto o trasformato in Italia. Anche i prodotti alimentari a marchio del distributore contribuiscono efficacemente a valorizzare la produzione nazionale, in quanto oltre il 90% delle imprese che li producono sono italiane.

Dal punto di vista commerciale, la DMO ha consentito, in questi anni, un’evoluzione del sistema agricolo e di nuove tendenze di valorizzazione delle produzioni, quali l’Agricoltura Biologica, la politica OGM free, i prodotti equosolidali, l’affermazione dei marchi di denominazione d’origine (DOP-IGP) e le varie linee di prodotti di filiera garantita: tutte iniziative che hanno la finalità di valorizzare le produzioni e di rassicurare il consumatore, garantendo la sicurezza, l’etica del rapporto, la trasparenza e la vicinanza con il territorio.

Anche i prodotti a marca del distributore sono fondamentali nello sviluppo del sistema agroalimentare italiano, fatto soprattutto di PMI e sono una risposta ai nuovi bisogni dei consumatori, rappresentando una valida alternativa ai prodotti di marca. In pochi anni la loro quota di mercato in Italia è passata dall’11% nel 2003 a circa il 20 % alla fine del 2018 (dati Nielsen). In Italia la quota rimane comunque ancora bassa in confronto al resto dell’Europa, dove raggiunge quote superiori al 40% (UK) o al 30% (Germania), ci sono quindi ancora ampi spazi di crescita. La relazione che si crea tra l’azienda distributiva e gli operatori di filiera che collaborano nella formazione del prodotto a marca del distributore è tale da assicurare per tutti buone condizioni economiche di produzione/distribuzione, regolarità di ordini e crescita dei volumi: fattori indispensabili per riuscire a crescere e a migliorarsi.

La DMO incoraggia e supporta così i fornitori locali a sviluppare prodotti nuovi, di qualità e a prezzi competitivi, rispondendo alle aspettative dei consumatori. Molte PMI hanno costituito partnership consolidate con le insegne distributive come fornitori di marca del distributore, riuscendo in questo modo a intraprendere un significativo percorso di miglioramento dei propri risultati aziendali, anche attraverso l’internazionalizzazione.

E’ quindi interesse della DMO rendere più forte il sistema agricolo nazionale nel suo complesso. L’individuazione di percorsi di lavoro comuni con l’agricoltura e le istituzioni consentirebbe ulteriore valorizzazione delle produzioni e maggiore fluidità nei rapporti commerciali. E’ necessario lavorare in contesti di collaborazione in cui si possano attuare iniziative condivise in una logica di modernizzazione agricola e di sostegno a una maggiore produttività, qualità e competitività, evitando interventi cogenti di carattere normativo, spesso di ostacolo al mercato e che non portano benefici né al sistema agricolo né ai consumatori finali.

In questo scenario di riferimento, la DMO ha lavorato anche attraverso le sue organizzazioni di rappresentanza per creare un contesto favorevole alla crescita del sistema agricolo e allo sviluppo delle relazioni commerciali: si ricorda, in particolare, l’attività promozionale condotta nell’ambito dell’Organismo Interprofessionale dell’Ortofrutta, nella convinzione di poter interagire in modo operativo e costruttivo con il sistema agricolo nazionale.

Anche in questo contesto la Distribuzione Moderna ha svolto un ruolo propulsivo fondamentale, dando vita ad un serie di campagne promozionali sulla frutta fresca italiana di stagione, nonché la stipula di diversi protocolli di intesa siglati con il Mipaaf e le altre componenti della filiera in materia di prodotti DOP e IGP, in materia di Latte e prodotti lattiero caseari, sulle Aste on line e Caporalato (v. Caporalato e Aste on line).

Sulle DOP e IGP, in particolare, è stata sviluppata, proprio dal comparto distributivo, una importante campagna promozionale per garantire maggiore visibilità e informazione su queste produzioni nei punti vendita: tra queste si ricorda l’iniziativa a favore del comparto lattiero sardo, per dare un aiuto concreto ad una filiera in difficoltà, spingendo il consumo e valorizzando le eccellenze del territorio sardo e il pecorino romano