Il risparmio energetico e l’impegno della Distribuzione Moderna

Attualità | Sostenibilità

L’editoriale di Federdistribuzione pubblicato nella rubrica POINTs di Non solo ambiente.

L’Italia sta attualmente attraversando un periodo complesso e di grande incertezza, principalmente a causa dell’inflazione e dell’aumento record dei costi energetici. Tale situazione sta gravando anche sulle aziende della Distribuzione Moderna che sono chiamate a sostenere un importante sforzo comune per la salvaguardia del Paese, contribuendo in particolar modo al risparmio complessivo delle risorse energetiche proseguendo così verso un modello di efficienza energetica e di sostenibilità già intrapreso.

Proprio sul tema del risparmio energetico, le imprese aderenti a Federdistribuzione, operanti sia nel settore alimentare sia nel non-food, si sono impegnate in uno sforzo comune condividendo una serie di linee guida volontarie da mettere in pratica nei punti vendita e nelle attività operative. Pur avendo già investito negli anni in soluzioni di efficientamento energetico e avendo una serie di consumi praticamente incomprimibili, funzionali a mantenere il livello di servizio e sicurezza per i consumatori, le misure individuate hanno lo scopo di fare un ulteriore sforzo per contribuire a ridurre i consumi energetici del Paese. Le aree di intervento hanno tenuto conto dei diversi settori di riferimento, ma in generale le misure riguardano principalmente l’abbassamento dell’illuminazione all’interno dei punti vendita, l’ottimizzazione della climatizzazione caldo-freddo, oltre ad interventi mirati sulle attività operative, volte a incrementare l’efficienza energetica complessiva.

Sempre nell’ambito del risparmio energetico, Federdistribuzione in collaborazione con Enea, l’Agenzia nazionale per le nuove tecnologie, l’energia e lo sviluppo economico sostenibile, ha ideato a novembre una Campagna di comunicazione in occasione del Mese dell’Efficienza Energetica 2022.

Questa iniziativa ha voluto sensibilizzare gli italiani sul tema del risparmio energetico con cinque pratici consigli taglia-bolletta, utili a ridurre i consumi in ambito domestico e ad abbassare il costo della bolletta. Le aziende associate a Federdistribuzione, veicolando i contenuti attraverso i propri canali di comunicazione online e offline, hanno abbracciato la campagna “Il buon senso ha valore” che ha avuto lo scopo di evidenziare come i più piccoli accorgimenti e comportamenti possano impattare positivamente in termini di consumi domestici, ottimizzandoli.

I consigli, elaborati dagli esperti di Enea, hanno messo a fuoco cinque punti: evitare di ostacolare la diffusione del calore in casa, controllare la temperatura e il riscaldamento in ambito domestico, utilizzare a pieno carico lavatrici e lavastoviglie, sostituire le lampadine con quelle a led e ridurre la durata della doccia insieme alla temperatura dell’acqua.

Si tratta di due iniziative delle imprese della Distribuzione Moderna, già da tempo impegnate in maniera concreta sul fronte della sostenibilità e della riduzione dei consumi, che contribuiscono ulteriormente alla diffusione di buone pratiche. Il settore svolge un ruolo strategico a supporto della transizione ecologica del Paese e le aziende continueranno a dare il proprio contributo nell’importante sfida verso un futuro sempre più sostenibile, sia a livello ambientale sia economico.

Articoli correlati