Lavoro - News

Una bilateralità “4.0” orientata ai lavoratori anche in fase di emergenza

Si chiama E.Bi.Di.M. ed è l’Ente Bilaterale Nazionale della Distribuzione Moderna Organizzata, costituito da Federdistribuzione e FILCAMS-Cgil, FISASCAT-Cisl, UILTuCS-Uil in attuazione del CCNL del 19 dicembre 2018.

Il suo scopo è semplice: erogare prestazioni di welfare ai lavoratori della DMO; dall’asilo nido agli interventi per la famiglia, dalla maternità alla tutela della salute sino al supporto per fruire del trasporto pubblico.

Dal punto di vista organizzativo, E.Bi.Di.M. ha copertura nazionale, riuscendo ad offrire risposte uniformi ai fabbisogni dei lavoratori delle aziende retail multilocalizzate sull’intero territorio.

In che modo? Attraverso il ricorso all’innovazione tecnologica che potremmo definire “4.0”. Il lavoratore che voglia fare domanda di intervento accede ad un semplice applicativo “online” (www.ebidim.it) e procede alla richiesta della prestazione a disposizione.

L’informatizzazione dei processi rende la struttura dell’Ente “snella”, risparmiando i costi di gestione e mettendo a disposizione dei lavoratori il massimo delle risorse economiche. Inoltre, sempre l’informatizzazione ha consentito, anche al tempo dell’emergenza sanitaria, di rispondere a circa 10.000 richieste di intervento di “Genitorialità COVID19”: uno specifico contributo economico che le Parti costituenti hanno deciso di corrispondere come segno di responsabilità nei confronti dei lavoratori e delle loro famiglie in questo momento di crisi.

Ad oggi, in quasi 5 mesi di attività, le prestazioni in erogazione ammontano complessivamente a circa 16.000.

E.Bi.Di.M. rappresenta così un bell’esempio di relazioni sindacali partecipative orientate all’efficiente e tempestivo soddisfacimento dei fabbisogni della popolazione lavorativa che necessita, soprattutto nell’attuale emergenza, di attenzioni specifiche.

Articoli correlati