Vendite al dettaglio ancora deboli. Cresce l’e commerce: garantire concorrenza leale tra commercio on e off line

Milano, 6 luglio 2018 – I dati Istat sul commercio al dettaglio relativi al mese di maggio
2018 registrano un +0,4% rispetto a maggio 2017 nelle vendite a valore. L’alimentare
segna un +2,3% e il non alimentare un -1,1%. Il dato cumulato gennaio-aprile
evidenzia una diminuzione (-0,2% a valore e -0,6% a volume).
“Il dato di maggio esprime una dinamica delle vendite al dettaglio ancora debole –
commenta Claudio Gradara, Presidente di Federdistribuzione – E il quadro complessivo che emerge dall’inizio dell’anno disegna un rallentamento nel trend: a fronte di due anni di seppur modesta crescita, +0,4% nel 2016 e +0,9% nel 2017, il 2018 scende a un -0,2%”.
“Per le aziende del commercio siamo quindi di fronte a una situazione che ancora desta preoccupazione, perché non vede le famiglie orientarsi verso una consolidata crescita degli acquisti – continua il Presidente di Federdistribuzione – In particolare indicazioni negative arrivano dai beni non alimentari, in calo nei primi 5 mesi del 2018 del -1%, segnale che vengono ancora procrastinati acquisti non indispensabili”
“Continua invece a crescere il commercio on line (+13,9% a Maggio), sintomo di come i consumatori stiano mutando le loro abitudini di acquisto. In questo scenario di grande cambiamento diventa indispensabile creare le condizioni per una corretta competizione tra commercio fisico e digitale. Occorre quindi dare ai punti vendita la possibilità di operare con la stessa libertà dell’on line, ad esempio liberalizzando le promozioni per i prodotti non alimentari, e non bisogna intervenire creando vincoli per il commercio tradizionale, come invece il recente riemerso dibattito sulle chiusure domenicali e festive dei negozi sembra prospettare” conclude Gradara.

Categoria: Comunicati stampa, Comunicati stampa 2018 | Tag: .