Attualità - Comunicati stampa 2022 - News

Dichiarazione Federdistribuzione dopo l’incontro con il Presidente del Consiglio, Giorgia Meloni

Milano, 11 novembre 2022 – “L’approvazione del Dl Aiuti Quater è un segnale importante che il nuovo Governo ha dato sul tema del costo dell’energia per famiglie e imprese, così come sulla detassazione dei fringe benefit. È positiva laconferma delle attuali agevolazioni che prorogano gli aiuti in scadenza e danno qualche respiro in più alle imprese. Ci attendiamo, però, che la prossima legge di Bilancio dia più spazio a misure che possano impattare maggiormente sia nel breve che nel medio periodo, dando un segnale forte sul cambio di passo, necessario per aiutare le imprese e gli italiani in questo momento complicato, soprattutto a causa dell’inflazione”, ha dichiarato Alberto Frausin, Presidente di Federdistribuzione, a margine dell’incontro a Palazzo Chigi con il Presidente del Consiglio, Giorgia Meloni.

“Le aziende della Distribuzione Moderna svolgono un ruolo economico e sociale essenziale per il Paese e per le filiere dei prodotti del Made in Italy. Per il nostro settore è quindi fondamentale che nella Legge di Bilancio 2023 si dia priorità alla tutela del potere d’acquisto degli italiani, intaccato da inflazione e caro-energia, ed al tema del cuneo fiscale, che richiede interventi puntuali sia sulla detassazione degli aumenti salariali sia sulle politiche attive del lavoro. Accogliamo positivamente che il tema della natalità sia al centro dell’attuale agenda politica, perché abbiamo bisogno di una visione concreta sul futuro: i giovani sono fondamentali per dare una prospettiva di crescita al Paese. Occorre poi intervenire in maniera sostanziale sulle semplificazioni, poiché esistono ancora troppi appesantimenti burocratici e amministrativi che frenano l’iniziativa delle imprese. C’è invece bisogno di continuare a investire per vincere le sfide di domani, soprattutto sulle nuove tecnologie. E proprio per questo sarà fondamentale rimettere mano al piano di transizione 4.0, sfruttando appieno le risorse del PNRR”, ha concluso Frausin.

Articoli correlati